Cosa viene monitorato con gli activity tracker? Dal conteggio delle calorie al calcolo della frequenza cardiaca

Non sfugge nulla agli activity tracker nel monitoraggio dei parametri del corpo in movimento o a riposo. I dati e le funzioni captati da questi avanguardistici dispositivi digitali variano a seconda se siano modelli di base o pluri-accessoriati. Ma vediamo, nel dettaglio, di cosa sono capaci i ‘braccialetti per fitness’, andando ad analizzare le funzioni che li caratterizzano, dai modelli base ai più evoluti, che potete trovare in tutte le gamme di scelta e fasce di prezzo sul sito tematico www.activity-tracker.it. Una delle funzionalità più diffuse e sfruttate è il contapassi, che serve a calcolare il numero ed anche le caratteristiche dei passi effettuati, ad esempio la lunghezza e il ritmo. In pratica, questo numeratore conta quanti passi si effettuano in un dato arco di tempo, ad esempio al giorno, aiutando a tenere sotto controllo la qualità del proprio moto ed anche i progressi raggiunti nello svolgimento dell’attività fisica. Ma quanti passi si dovrebbero fare ogni giorno per stare in forma?

Teoricamente, dovrebbero essere circa 10.000, ma sarà l’activity tracker a darne conto, mettendoci nelle condizioni di avvicinarsi al traguardo. Ogni volta che ci troveremo al bivio se prendere le scale o l’ascensore, potrebbe essere l’occasione per approfittare a fare qualche passo in più. Più passi, meno calorie. Si sa che il movimento brucia le calorie aiutando a dimagrire e a restare in perfetta forma. Anche in questo un buon activity tracker si dimostra un ottimo alleato nel contribuire a tenere sott’occhio il livello calorico prima e dopo l’esercizio fisico o la passeggiata per poter calcolare quante calorie si sono bruciate. Il monitoraggio delle calorie attraverso l’activity tracker è un buon modo per tenere a bada il loro livello e aiuta a mantenere o a raggiungere il peso forma.

E veniamo al battito cardiaco, altro parametro calcolato dal fitness tracker, che si rivela quanto mai utile soprattutto per gli over 40 che si sottopongono a sport o allenamenti intensivi, anche di natura agonistica. Chiedere troppo al proprio cuore potrebbe essere rischioso, pertanto tenere sotto controllo la frequenza cardiaca con l’ausilio di questo strumento è un modo di prendersi cura di sé stessi e di controllare, giorno dopo giorno, la regolarità e il ritmo del battito.